FAQ

Risposte alle domande frequenti

Cos’è Enfea

Enfea è l’Ente Bilaterale costituito dalle associazioni CONFAPI e CGIL, CISL e UIL, dedito alla promozione ed erogazione di prestazioni in materia di sostegno al reddito, alla famiglia, alla formazione, allo studio, all’assunzione e al reintegro del personale a favore delle imprese, e delle rispettive lavoratrici e dei rispettivi lavoratori.

Chi può aderire a Enfea?

Possono aderire a Enfea le aziende – e le relative lavoratrici e i relativi lavoratori – che applicano i Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro UNIGEC/UNIMATICA, UNIONCHIMICA, UNITAL, CONFAPI ANIEM, UNIONTESSILE e UNIONALIMENTARI sottoscritti con le Federazioni aderenti a CGIL, CISL e UIL.

Cos’è un Ente Bilaterale?

Un Ente bilaterale è un organismo paritetico costituito da associazioni datoriali e da organizzazioni sindacali dei lavoratori.

È un’associazione senza scopo di lucro che ha il compito di rappresentare e tutelare parimenti lavoratrici, lavoratori, imprenditrici e imprenditori, al fine di supportarli e promuovere così lo sviluppo dei propri settori di riferimento.

Quali sono i requisiti per poter beneficiare delle prestazioni?

Le aziende aderenti a Enfea possono usufruire delle prestazioni se i versamenti mensili risultano in regola; le nuove aziende aderenti, invece, possono richiedere le prestazioni dopo aver versato almeno sei mesi di contribuzione.

Per quanto riguarda le lavoratrici e i lavoratori, hanno diritto alle prestazioni i dipendenti con rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno o a tempo parziale, per i quali sia stata versata la contribuzione ENFEA da almeno 6 mesi, assunti:

  • a tempo indeterminato;
  • con contratto di apprendistato;
  • a tempo determinato per un periodo pari o superiore a sei mesi*.

* Tale durata va intesa come riferita al singolo contratto di assunzione e non come risultante dalla proroga, ancorché ripetuta, di contratti di durata inferiore a 6 mesi.

 

Se sono una lavoratrice o un lavoratore come faccio a richiedere una prestazione?

Le lavoratrici e i lavoratori, per richiedere una delle prestazioni messe a disposizione dall’Ente, devono compilare il modulo relativo alla prestazione e consegnarlo all’ufficio di competenza dell’azienda.

Chi è tenuto a versare le quote contributive?

Sono tenute al versamento le imprese che applicano i contratti collettivi PMI Confapi, escluse solo quelle dell’edilizia, in quanto la categoria aderisce a un diverso sistema.

Il sistema bilaterale previsto dagli accordi interconfederali e dai contratti collettivi nazionali e territoriali/aziendali delle PMI Confapi riguarda, dunque, tutte le imprese – aderenti e non aderenti alle associazioni di categoria – che rientrano nella sfera di applicazione dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro PMI Confapi, in quanto rende prestazioni indispensabili a completare il trattamento economico e normativo del lavoratore.

Come si procede al pagamento dei contributi?

I contributi vanno versati utilizzando il Modello F24 e vanno dichiarati tramite il flusso UniEmens.

I datori di lavoro indicheranno, in sede di compilazione del modello di versamento “F24”, nella sezione “INPS”, distintamente dai dati relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali obbligatori, la causale “ENFE” esposta, nel campo “causale contributo”, in corrispondenza esclusivamente del campo “importi a debito versati”.

Quali sono le prestazioni erogate in favore delle aziende?

Le aziende aderenti a Enfea possono richiedere le seguenti prestazioni:

  • un contributo per la formazione esterna per i lavoratori assunti con contratto di apprendistato e conferma a tempo indeterminato;
  • un contributo per l’acquisto e la formazione all’utilizzo del defibrillatore;
  • un contributo per l’assunzione di un operatore qualificato per lo svolgimento di mansioni destinate alla transizione digitale;
  • un contributo una tantum per la formazione a favore dei dipendenti che in forza di accordi sindacali hanno utilizzato il credito d’imposta 4.0 a seguito di innovazione tecnologica e/o digitale;
  • un contributo per l’inserimento di lavoratrici e lavoratori ex legge 68/1999;
  • un contributo per la formazione di lavoratrici madri volto al reinserimento al lavoro in seguito al congedo di maternità.

Per ricevere maggiori dettagli sulla documentazione da presentare e le scadenze da rispettare è possibile consultare il Regolamento e visitare la pagina dedicata alle prestazioni.

Quali sono le prestazioni erogate dedicate alle lavoratrici e ai lavoratori?

Le lavoratrici e i lavoratori dipendenti delle imprese che applicano i Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro UNIGEC/UNIMATICA, UNIONCHIMICA, UNITAL, CONFAPI ANIEM, UNIONTESSILE e UNIONALIMENTARI possono richiedere:

  • dei contributi per le spese sostenute per la scuola materna, elementare, media inferiore, media superiore;
  • un contributo per le spese universitarie;
  • un contributo per le spese di laurea;
  • un contributo per l’utilizzo dei servizi all’infanzia (asilo nido/baby sitter);
  • un contributo in occasione della nascita/adozione del figlio/a del/della dipendente;
  • un contributo per l’assistenza alla non autosufficienza (legge 104/92);
  • un contributo per l’assistenza domiciliare, per familiare convivente non autosufficiente con handicap grave;
  • un contributo per trattamenti individuali di integrazione salariale;
  • un’integrazione al trattamento economico di malattia previsto dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro;
  • un contributo per le spese sostenute per l’acquisto di un abbonamento annuale al trasporto pubblico locale, regionale, interregionale, intestato alla lavoratrice o al lavoratore iscritto;
  • un contributo per il sostegno alle vittime di violenza di genere.

Per ricevere maggiori dettagli sulla documentazione da presentare e le scadenze da rispettare è possibile consultare il Regolamento e visitare la pagina dedicata alle prestazioni.

Come posso sapere se sono iscritto a Enfea (lavoratrici e lavoratori)

Le lavoratrici e i lavoratori delle imprese che applicano i Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro UNIGEC/UNIMATICA, UNIONCHIMICA, UNITAL, CONFAPI ANIEM, UNIONTESSILE e UNIONALIMENTARI possono verificare se risultano iscritti a Enfea consultando la propria busta paga.

Come posso rimanere sempre aggiornato/a sulle iniziative promosse da Enfea?

Per rimanere sempre aggiornati sulle novità di Enfea è possibile seguire i canali ufficiali di proprietà dell’ente, nello specifico Facebook e LinkedIn e iscriversi al canale Telegram ufficiale.